Anche ad ovest di Paperino domani è #sfidautismo

Tag

, , , , ,

Domani è il 2 di aprile,  è la giornata mondiale per la consapevolezza sull’ autismo. Un occasione importante, una volta l’anno, per far conosce ed avvicinare le persone a questa condizione. Momenti come il 2 aprile sono preziosi per colmare quei vuoti che una sindrome con uno spettro tanto ampio di tipicità crea nelle persone che non lo vivono direttamente.

Anche Corsico domani lancia la sua sfida all’ autismo e lo fa grazie ai comitati genitori delle scuole cittadine che hanno organizzato una grande festa per tutti e hanno deciso di tingersi di blu per un giorno.

Qui sotto trovate la locandina  dove potete leggere il programma e tutte le associazioni, i negozianti e i comitati che hanno collaborato alla riuscita dell’evento.

Il Comune di Corsico ha concesso l’utilizzo del suolo a titolo gratuito.

.facebook_1459511894410

 

 

 

Il buonismo minaccioso e “magnaccioso”

Tag

, , , ,

saccintoAd Ovest di Paperino, in quella cittadina dove nemmeno a Pasqua c’è tregua nella guerra della mensa abbiamo una classe politica che da un anno con l’altro non ricorda nemmeno quanto sia ipocrita, falsa ed approfittatrice.

In questa foto di repertorio troviamo l’Assessore alle politiche sociali Antonio Saccinto che, il 1 aprile dell’anno scorso (il 2015), insieme al gotha  locale di F.lli D’Italia (alias F.lli labufala) , andava a protestare davanti alla scuola primaria Galilei di Corsico.

Perché protestava? UDITE UDITE! Perché non ci sarebbe stata la benedizione pasquale.

I “fratellini” sono molto attenti ai valori cattolici e li difendono con le unghie e con i denti. Hanno usato le scuole, in campagna elettorale, fingendo di essere vicini alle famiglie e ai loro bambini ergendosi a difensori della morale cristiana, dell’identità della nostra tradizione e della nostra civiltà E ADESSO? Adesso sono al governo di quella cittadina ad ovest di Paperino, adesso i bambini non sono più da tutelare, adesso va bene che non mangino… neanche durante la Settimana Santa. Fratellini, ricordatevi che Cristo, dopo tre giorni è sceso dalla croce…

per chi vuole, qui l’articolo originale

 

 

 

LA SFIDA DELLE MAMME IERI OGGI E DOMANI

Tag

, , , , , , ,

fb_mamme-e1455981414245

leggo oggi diversi post e articoli allarmistici sulla famigerata sfida delle mamme che in questi giorni circola in Facebook.

In sostanza una specie di catena: una mamma posta 3 foto che la rendono orgogliosa dei suoi figli e a sua volta, taggando altre 10 mamme lancia la sfida. Ora, autorevoli testate ci avvisano che questa è una catena lanciata da fantomatici gruppi pedofili per rubare le foto messe in rete.

RAGIONIAMO UN ATTIMO.

Forse chi ha accettato questo giochino (io ad esempio) non ha mai postato foto dei suoi figli? Certo che si, lo ha fatto ieri, l’altro ieri, una settimana fa e anche un anno fa, Quindi? Pensiamo veramente che il BABAU aspettasse questa succulenta occasione per accaparrarsi immagini?

Per cortesia, cerchiamo di essere razionali, se proprio proprio non vogliamo incorrere in malintenzionati non mettiamo più niente in rete oppure… pixeliamo i volti dei nostri bambini come fanno con quelli della Hunziker così stiamo tutti tranquilli.

 

 

Corsico e l’informazione un po’ così

Tag

, , , , ,

Leggete questo trafiletto apparso su Il Giorno di oggi, poi, tornate su  e continuate a20160209_073936.jpg leggere il mio post. Ieri mattina alle 7.45 andavo a piedi da via S. Adele verso Piazza al ponte e, all’ altezza dell’ inizio della salita, dove non c’è passaggio pedonale, ma dove i veicoli che arrivano da Milano non hanno semaforo e quelli che vanno in direzione opposta hanno visibilità limitata e poca agilità di frenata ho visto un ragazzino steso in terra, una moto sdraiata e in piedi il motociclista al cellulare che probabilmente chiamava il 118. Dopo pochissimo è arrivata un auto dei vigili. Dunque, nessun automobilista, il bambino non aveva sceso le scalette, non C’era nessun cane (ma forse era scappato, questo non lo posso sapere), il piccolo era sveglio e steso su un fianco.

Questo esempio di cronaca non vuole essere fine a se stesso ma  uno spunto di riflessione. A meno che, alla stessa ora e venti metri più avanti ci sia stato un investimento simile nelle dinamiche, questa notizia è, non falsa ma fuorviante. Pensiamo a quanti fatti di cronaca vengono riportati in maniera fantasiosa, omettendo o aggiungendo particolari inventati. Pensate anche alla politica, locale e nazionale e alla coscienza delle masse, quanto può essere manipolata quando L’informazione non è libera e indipendente? Pensiamoci si.

ELTON E DAVID: DIPENDE TUTTO DA DOMANI

Tag

, , , , , ,

elthonIeri guardavo distrattamente “L’Arena” di Giletti su Rai 1.

Siccome domani sera l’ospite internazionale sarà Elton John e proprio domani in Senato si voterà per il DDL Cirinnà sulle unioni civili, un malizioso conduttore ha inziccato li una mezza notizia: In prima fila all’ARISTON c’è un posto riservato per David Furnish, il marito di Elton e…. “niente, non posso dire molto di più”… “su quello che succederà c’è riserbo”.

Cosa vuol dire questo? che se domani passa in toto il DLL (stepchild adoption compresa) il consorte in platea potrebbe anche salire sul palco ed magari essere intervistato da Carlo Conti? Magari parlando anche del loro bambino? Se invece il DDL Cirinnà non passa gli tolgono anche la poltronissima al Furnish e lo mandano a vedere l’esibizione del coniuge in piccionaia?

Non ve ne frega niente? Non ci credo! tutti a fare gli snob e a dire “io il Festival di Sanremo non lo guardo” e poi però tutti  li, informatissimi, a commentare.

Io sono curiosa, questo è un aspetto interessante di come la RAI lottizzata potrebbe comportarsi in due diverse situazioni possibili.

 

 

L’ AUTOSTIMA PASSA PER STRADE STERRATE

Tag

, , ,

Visto l’incidente tricologico dell’ altra sera, frutto di un esperimento mio e di Carlos che mi ha costretto a rasare mezza testa, diciamo che il livello di autostima (lato estetico) non era dei migliori.
Mi sentivo come Cindy Lauper nel video di TIME AFTER TIME, quando lei tutta contenta, dopo unRASATURAa sessione dal parrucchiere, va da fidanzato e gli mostra la sua testa nascosta fino ad allora sotto il cappello e lui la guarda con una faccia che sembra dire “macheccaaaa …”.
Stamattina però, al Don Gnocchi ho incontrato Milco, un ragazzo cinquantenne che vive li da ormai 40 lunghi anni; da lontano mi ha urlato “ma sei tuuuu!” si è avvicinato e: “stai benissimo! Che bella che sei!”.
Non potevo non offrirgli il caffè e lasciargli gli spiccioli per il coffee break del pomeriggio, daltr’onde Milco mi ha fatto un regalo senza prezzo: ha aperto la sua magica mano nodosa e ci ha soffiato sopra spruzzandomi addosso glitter di autostima pura, al 100%

Corsico e la Politica di oggi: “RAGAZZI FUORI”

Tag

,

**noi adolescenti degli anni ’80**

 

Sono un’adolescente degli anni ’80 e vengo da un quartiere popolare. Dove abitavo io se eri un bullo, un fuori legge, un cattivo ragazzo eri un figo. Al cinema davano “Meri per Sempre” e “Ragazzi Fuori” e tutti imparavano le battute di Meri, di Natale e degli altri a memoria; In prima TV davano “Warriors, i guerrieri della notte” che in poco tempo diventò il manifesto della gioventù bruciata di quel decennio. Diciamo che di modelli positivi in un contesto socio-economico desolante come quello della mia gioventù ne giravano pochini, tant’è che una nutrita parte delle persone che ho più o meno frequentato prima dei 20 anni hanno conosciuto da vicino le patrie galere.

Ma la premessa che c’entra con la politica? Corsichese poi?

C’entra cMANNY’entra, perché io devo sempre trovare una spiegazione alle cose storte che mi passano davanti al naso, una giustificazione o semplicemente sono sopraffatta dalla voglia di incasellare cose e persone (come qualcuno mi ha fatto notare). Mi piace quindi pensare ad un mio coetaneo (SOPRA I 40 PER CIO’) che dice o scrive determinate cose come uno di quelli che da ragazzino probabilmente non era un bullo ma una vittima di bullismo che è diventato carnefice per una voglia di rivalsa soffocata, che dopo tanti anni e sfociata nell’odio verso i più deboli, i diversi, gli stranieri.

Delle frasi così offensive (come quelle viste nella foto sopra) ma al contempo così puerili sono di una mente che non si è evoluta, di una persona rimasta l’adolescente complessato che la sera prima di andare a dormire sognava di farla pagare a tutti. La cosa tragica, a parte la vicenda umana dell’uomo è il fatto che amministra il comune dove vivo, quello che sta ad Ovest di Paperino per intenderci, uno di quelli che con il suo voto delibera se un bambino può mangiare o no a scuola o se una biblioteca può rimanere aperta oppure chiusa definitivamente.

A un po’ di gente questo piace, gode nel leggere su FB certi post, mette mi piace e commenta incitando e aggiungendo benzina al fuoco. Proprio il caso di dire che la rete social ha portato alla luce tanti mostri che prima, senza internet sarebbero rimasti solo leggende metropolitane.

E IL COCCODRILLO COME FA

Tag

, , , , , ,

crocodile-tears-copy

**Non c’è nessuno che lo sa…**

Almeno fino ad oggi ad Ovest di Paperino, in pochi immaginavano cosa significasse “versare lacrime di coccodrillo”. Certo! A Corsico prima si fanno polpette dei bambini (negandogli la mensa scolastica ed esponendoli alla gogna mediatica) poi, con un gran coup de théâtre eccoli! Arrivano in soccorso i gagà (che parola antica) del paese, pronti a metter mano al portafoglio.

Tutti in prima fila, associazioni di gran rilievo tipo Rotary o Lions (mica pizza e fichi) e poi i commercianti della via Cavour! A portata di intervista, desiderosi di dire la loro con tanto di faccina sul quotidiano locale.

I figli dei FURBETTI DELLA MENSA, accertato che furbetti non sono ma di poveri cristi si tratta, potranno finalmente godere della carità di questi “papà gambalunga” che fino a ieri erano custoditi in naftalina insieme ai loro cappotti di cammello.

Sarà che sono maligna (si un po’ lo sono) ma a me i benefattori che spuntano fuori solo quando c’è da farsi pubblicità non riescono a ispirarmi simpatia, specialmente se fino a ieri hanno imbracciato i forconi. Non ce la faccio proprio a complimentarmi con chi fuori dalla chiesa tira un calcio al mendicante che chiede l’elemosina e poi si va a cibare del Corpo di Cristo.

QUI TROVATE L’ARTICOLO CHE MI HA ISPIRATO

 

 

 

 

CORSICO E “IL MAYOR DE NOANTRI”

Tag

, , , , , , , , , ,

Sei mesi di passione (intesa come calvario)quimby

Sei mesi sei son passati e ancora Corsico non ci ha fatto l’abitudine. Dopo 70 anni di governo di sinistra, la città e passata dal rosso (ormai sbiadito a dire il vero), ad un nero più nero della pece.

Sappiamo bene che Il nostro sindaco, il “Mayor de Noantri” per l’appunto, nonostante con la sua lista abbia preso una manciata di voti è li grazie alla coalizione di centrodestra che lo ha appoggiato. Una cordata formata da Lega, Fratelli D’Italia, Forza Italia e la lista Corsico Vivere per Filippo Errante Sindaco. E’ curioso il fatto che la sua storia però, lo veda nel suo passato politico come uomo della sinistra o comunque di provenienza socialista. Anzi no, non lo è affatto, tant’è che mi viene in mente almeno un personaggio della storia italiana esponente di spicco del partito Socialista che poi è diventato quello che è diventato… ma niente, torniamo ai fatti.

-In sei mesi cosa è successo- ma soprattutto cosa non è successo e tutto a scapito dei bambini e degli anziani

  • I bambini disabili frequentanti le scuole di ogni ordine e grado a Corsico non hanno adeguata assistenza e in alcuni casi non ne hanno per niente; giustificazione del primo cittadino e della squadra “non ci sono i soldi”.
  • I bambini figli di genitori che non pagano la mensa scolastica privati del pasto caldo e messi alla mercé di stampa nazionale, internazionale, ma soprattutto di adulti cattivi ed ignoranti che non capiscono quanto male stanno facendo; giustificazione del primo cittadino “ non è colpa del comune se questi bambini hanno dei genitori così, che glielo spieghino loro ai figli il perché sono senza pasto”.
  • Centro anziani Perversi chiuso ad ottobre – si certo, era in programma da due anni, già con la vecchia giunta di sinistra – ma la volontà di trovare soluzioni ragionevoli per venire incontro alle famiglie inesistente! Giustificazione del primo cittadino “non è colpa mia, lo aveva deciso chi c’era prima di me”.
  • BIBLIOTECA DEI RAGAZZI DI Via Curiel chiusa alla chetichella qualche giorno fa, Servizio di Emeroteca presso la Biblioteca centrale di Via Buonarroti, sospeso dai primi di gennaio, scoperto solo perché una persona tra quelle che usufruiva del servizio (tanti anziani) si è fatta coraggio e ha reso noto la cosa. Nessuna spiegazione del primo cittadino poiché tutto è stato fatto di nascosto, all’insaputa di tutti.

Ricapitolando:

  • NIENTE AIUTO AGLI ANZIANI (NON E’ UN PROBLEMA MIO)
  • NIENTE SOSTEGNO AI DISABILI (NON E’ UN PROBLEMA MIO)
  • NIENTE MENSA AI FIGLI DI MOROSI (NON E’ UN PROBLEMA MIO)
  • NIENTE SPAZIO PER LA CULTURA E LA SOCIALIZZAZIONE (NON E’ UN PROBLEMA MIO)

E se niente è un problema tuo allora te ne potevi stare a casa no?

Lasciatemi dire che preferirei mille volte avere il MAYOR QUIMBY dei SIMPSON come sindaco…

 NOTA. Menzione all’amica Angela Callegari che ha coniato il termine “mayor de noantri” – GRAZIE  ANGELA

EVVIVA L’ANALFABETISMO FUNZIONALE

Tag

, , , , ,

wr009-a Corsico li vogliamo tutti ignoranti e digiuni-

dall’editoriale di Corriere.Milano.It di oggi sulle morosità della mensa

(…) Naturalmente, la riscossa non può passare sul corpo dei ragazzini, come ha pensato l’intransigente sindaco di Corsico: nessuno, nemmeno un Erode dei tempi d’oro, riuscirebbe a gustarsi lo spettacolo di un bambino a digiuno in mezzo ai suoi compagni satolli, che magari scartano pure i piselli e la mela cotogna. Questo non esiste proprio (…)

(…)in questo nuovo clima di giustizia sociale i furbetti del tortellino vanno stanati a uno a uno, fin dentro casa, direttamente, senza passare sulle loro ignare e incolpevoli creature. A costo di pignorare la macchina, il Rolex e il televisore. Non è populismo. È ripristinare il senso sacrale delle regole(…)

Va da se che il giornalista esprime un giudizio chiaro sulla vicenda Errante/genitori morosi. Perplime però un fatto, il primo cittadino di Corsico pubblica l’articolo sulla sua pagina Facebook e giù di commenti quali “bravo Sindaco!”, “forza Filippo siamo conte, non mollare”, “complimenti! Grazie per aver liberato Corsico” e altre amenità del genere… (TRALASCIAMO I COMMENTI SUGLI IMMIGRATI CHE E’ MEGLIO)

Ma lo ha letto l’articolo? non ne esce benissimo, di certo non come un eroe della MARVEL.. più come un Dick Dastardly cattivello ma maldestro. E lo hanno letto i suoi fans indefessi prima di commentare?

Come direbbe Emilio Fede – CHEFIGURADIMMEEEE….