Tag

, , , , ,

Quando la Meloni ha annunciato di aspettare un bambino, nonostante sia una persona odiosa, che non stimo affatto e che mi disgusta un po’, non me la sono sentita di condividere gli sfottò sulla sua pancia.

Quando vedo post denigratori sulla Boschi, che invece di entrare nel merito delle sue porcate politiche puntano sul suo aspetto (per la cronaca cari allocchi, la strappona in lingerie che gira su FB non è lei).

Ogni volta che una donna in politica viene attaccata solo in quanto donna e portatrice di tette e culo, sia la Merkel o la Bindi, la Taverna o la Carfagna.

Quando succede mi  si attorcigliano le tube di Fallopio.

Quando la Bedori, a Milano è stata  offesa per il suo corpo pesante e per il suo status di casalinga, presentato come una vergogna, queste ingiurie sono partite da uomini e sono state trasversali, arrivate da destra e da sinistra ma anche dai cieli stellati, anzi pentastellati.

Fino a quando direttori di giornali e telegiornali, uomini, continueranno a detenere il potere politico e dell’informazione, fino a che non la si smetterà di insistere con questa storia delle quote rosa, che non servono a niente (per quanto mi riguarda una giunta comunale, una squadra di governo o un consiglio di amministrazione potrebbero tranquillamente essere formati da solo donne) non si cambierà il verso di questa società malata.

La verità è che ci si scandalizza per il velo islamico o per il trattamento della donna in culture a noi diametralmente opposte ma non si dice una parola sul trattamento che viene riservato ad una qualsiasi donna italiana che ambisce ad avere un ruolo apicale in qualsiasi settore.

Fino a che sarà permesso pubblicare quotidiani con in copertina una qualunque  Virginia Raggi / Barbie, per indicare che un bel corpo e una bella testa non possono eguagliare la competenza del  solito dinosauro con gonadi,  saremo un paese da terzo anzi, quarto mondo.

I tempi stanno cambiando, cambiamo anche i maschi. se non cambiano da soli li aiuteremo a farlo, invitandoli a prendere l’uscita, quella di servizio.

 

VIRGINIA-RAGGI-ROMA-IN-BAMBOLA.jpg

Advertisements