Tag

, , , , , , , , , ,

Sei mesi di passione (intesa come calvario)quimby

Sei mesi sei son passati e ancora Corsico non ci ha fatto l’abitudine. Dopo 70 anni di governo di sinistra, la città e passata dal rosso (ormai sbiadito a dire il vero), ad un nero più nero della pece.

Sappiamo bene che Il nostro sindaco, il “Mayor de Noantri” per l’appunto, nonostante con la sua lista abbia preso una manciata di voti è li grazie alla coalizione di centrodestra che lo ha appoggiato. Una cordata formata da Lega, Fratelli D’Italia, Forza Italia e la lista Corsico Vivere per Filippo Errante Sindaco. E’ curioso il fatto che la sua storia però, lo veda nel suo passato politico come uomo della sinistra o comunque di provenienza socialista. Anzi no, non lo è affatto, tant’è che mi viene in mente almeno un personaggio della storia italiana esponente di spicco del partito Socialista che poi è diventato quello che è diventato… ma niente, torniamo ai fatti.

-In sei mesi cosa è successo- ma soprattutto cosa non è successo e tutto a scapito dei bambini e degli anziani

  • I bambini disabili frequentanti le scuole di ogni ordine e grado a Corsico non hanno adeguata assistenza e in alcuni casi non ne hanno per niente; giustificazione del primo cittadino e della squadra “non ci sono i soldi”.
  • I bambini figli di genitori che non pagano la mensa scolastica privati del pasto caldo e messi alla mercé di stampa nazionale, internazionale, ma soprattutto di adulti cattivi ed ignoranti che non capiscono quanto male stanno facendo; giustificazione del primo cittadino “ non è colpa del comune se questi bambini hanno dei genitori così, che glielo spieghino loro ai figli il perché sono senza pasto”.
  • Centro anziani Perversi chiuso ad ottobre – si certo, era in programma da due anni, già con la vecchia giunta di sinistra – ma la volontà di trovare soluzioni ragionevoli per venire incontro alle famiglie inesistente! Giustificazione del primo cittadino “non è colpa mia, lo aveva deciso chi c’era prima di me”.
  • BIBLIOTECA DEI RAGAZZI DI Via Curiel chiusa alla chetichella qualche giorno fa, Servizio di Emeroteca presso la Biblioteca centrale di Via Buonarroti, sospeso dai primi di gennaio, scoperto solo perché una persona tra quelle che usufruiva del servizio (tanti anziani) si è fatta coraggio e ha reso noto la cosa. Nessuna spiegazione del primo cittadino poiché tutto è stato fatto di nascosto, all’insaputa di tutti.

Ricapitolando:

  • NIENTE AIUTO AGLI ANZIANI (NON E’ UN PROBLEMA MIO)
  • NIENTE SOSTEGNO AI DISABILI (NON E’ UN PROBLEMA MIO)
  • NIENTE MENSA AI FIGLI DI MOROSI (NON E’ UN PROBLEMA MIO)
  • NIENTE SPAZIO PER LA CULTURA E LA SOCIALIZZAZIONE (NON E’ UN PROBLEMA MIO)

E se niente è un problema tuo allora te ne potevi stare a casa no?

Lasciatemi dire che preferirei mille volte avere il MAYOR QUIMBY dei SIMPSON come sindaco…

 NOTA. Menzione all’amica Angela Callegari che ha coniato il termine “mayor de noantri” – GRAZIE  ANGELA

Annunci